250 mila tamponi rapidi gratuiti per i dipendenti delle imprese

Regione Emilia- Romagna: Attività Gratuita Di Screening Nei Luoghi Di Lavoro Attraverso Test Antigenici Rapidi Naso-Faringei

La Regione Emilia-Romagna promuove uno screening collettivo dei lavoratori per la prevenzione del rischio di contagio da SARS-CoV-2.

Sono 250mila i test rapidi messi a disposizione dalla Regione e destinati a questo screening su tutto il territorio regionale. L’iniziativa è promossa per tutte le aziende e prioritariamente per attività per cui vi siano indicazioni di maggior probabilità di diffusione del contagio: per esempio trasporti e logistica, lavorazione carni, grande e media distribuzione organizzata, metalmeccanica, alimentare e ortofrutta, mobile imbottito, assistenza domiciliare comprensiva delle assistenti famigliari, aziende con attività in appalto in genere ecc.

Lo screening sarà effettuato dalle aziende mediante i medici competenti, con il coordinamento dei Servizi di Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro (SPSAL) dei Dipartimenti di Sanità Pubblica in stretta collaborazione con i Servizi di Sanità Pubblica Veterinaria e Igiene e Sanità Pubblica e sarà basato sull’utilizzo di test antigenici rapidi. Questi test possono fornire una risposta qualitativa (si/no) in tempi rapidi, tipicamente entro 15-30 minuti, e non richiedono apparecchiature di laboratorio.

Lo screening si svolge sulla base di una adesione volontaria dell’azienda, del medico competente e del lavoratore.

I test sono disponibili presso le sedi SPSAL competenti per territorio e saranno consegnati ai medici competenti.

Il costo a carico dell’azienda sarà solamente il servizio di esecuzione e refertazione del tampone.

Questo il percorso di screening nel caso in cui l’azienda intenda avvalersi dei test resi disponibili dalla Regione:

  1. Il datore di lavoro trasmette una richiesta all’indirizzo di posta elettronica dedicato del Servizio PSAL competente per territorio tramite il modulo allegato, dopo adeguato coinvolgimento dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS).
  2. I test sono consegnati dal Servizio PSAL al medico competente che li somministra direttamente o tramite un laboratorio privato da lui scelto, autorizzato dalla Regione, e ne registra gli esiti nel sistema informatico messo a disposizione a livello regionale (portale SOLE).
  3. Il Servizio PSAL consulta i risultati dei test registrati nel sistema informatico e, in caso di esito positivo del test rapido, provvede a prenotare il test di conferma con test di biologia molecolare presso l’Azienda Sanitaria. Il test di conferma può essere richiesto ed effettuato anche presso laboratori privati autorizzato dalla Regione. Anche i risultati del test molecolare saranno registrati nel sistema informatico e comunicati al Dipartimento di Sanità Pubblica che, in caso di positività procederà all’indicazione delle misure di cautela e ai relativi provvedimenti.

La circolare dell’08/01/2021 firmata dal direttore della Prevenzione del ministero della Sanità ha apportato importanti novità. Si prevende che “alle persone che risultano positive al test antigenico rapido, anche in attesa di conferma con secondo test antigenico oppure con test molecolare, si applicano le medesime misure contumaciali previste nel caso di test RT-PCR positivo”. È consentito quindi il riconoscimento dello stato di malattia.

L’adesione all’effettuazione del test antigenico da parte del lavoratore risulta facoltativa.

Per qualsiasi ulteriore informazione potete chiamare il nostro ufficio sicurezza sul lavoro allo 0546/062160 o contattarci via e-mail all’indirizzo info@besafesrl.it.

Potrebbe piacerti anche