SINTESI DEL DPCM 7 SETTEMBRE 2020

Il nuovo DPCM di lunedì 7 settembre scorso indica il nuovo quadro delle misure emergenziali valide dal 8 settembre al 7 ottobre 2020.

Il provvedimento proroga sostanzialmente, salvo alcune eccezioni e modifiche, fino al 7 ottobre 2020, il quadro precedente delle misure emergenziali, di cui al DPCM 7 agosto 2020, all’Ordinanza del Ministero della Salute 12 agosto 2020 e all’ordinanza del Ministero della Salute del 16 agosto 2020 (per questi ultimi, v. sotto);

Riportiamo di seguito la sintesi del DPCM.

Mascherine e distanziamento sociale

Restano vigenti come misure essenziali di prevenzione: il divieto di assembramento, l’uso delle mascherine, il distanziamento di almeno un metro e la sanificazione delle mani.

Pertanto viene confermato l’obbligo sull’intero territorio nazionale di usare la mascherina:

  • nei luoghi al chiuso accessibili al pubblico;
  • all’aperto delle 18 alle 6 negli spazi di pertinenza dei luoghi e locali aperti al pubblico nonché negli spazi pubblici (piazze, slarghi, vie, lungomari) dove, per le caratteristiche fisiche, sia più agevole il formarsi di assembramenti anche di natura spontanea e occasionale;
  • sui mezzi di trasporto;
  • in tutte le occasioni in cui non sia possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza.

Tamponi

Permane l’obbligo di tampone per chi rientra dai 4 Paesi già indicati in precedenza come più a rischio (Grecia, Malta, Spagna e Croazia) e l’obbligo di quarantena per chi arriva dalla Romania e dalla Bulgaria.

Viene riconfermato il divieto di ingresso dagli Stati inseriti nella black list che attualmente comprende 16 Paesi: Armenia, Bahrein, Bangladesh, Brasile, Bosnia Erzegovina, Cile, Kuwait, Macedonia del Nord, Moldova, Oman, Panama, Perù, Repubblica Dominicana, Serbia, Montenegro e Kosovo.

Sorveglianza sanitaria e isolamento fiduciario

Si segnala come novità, un’estensione relativa alle eccezioni in merito alla sorveglianza sanitaria e all’isolamento fiduciario a seguito dell’ingresso nel territorio nazionale dall’estero.

Non è più obbligatorio il periodo di quarantena, salvo comparsa di sintomi Covid, per:

  • l’equipaggio dei mezzi di trasporto;
  • il personale viaggiante;
  • i movimenti da e per: Repubblica di San Marino, Stato della Città del Vaticano;
  • gli ingressi per motivi di lavoro regolati da speciali protocolli di sicurezza, approvati dalla competente autorità sanitaria;
  • gli ingressi per ragioni non differibili, inclusa la partecipazione a manifestazioni sportive e fieristiche di livello internazionale, previa autorizzazione del Ministero della salute e con obbligo di presentare al vettore all’atto dell’imbarco, e a chiunque sia deputato ad effettuare i controlli, l’attestazione di essersi sottoposti, nelle 72 ore antecedenti all’ingresso nel territorio nazionale, un test molecolare o antigenico, effettuato per mezzo di tampone e risultato negativo.

Ristorazione, discoteche, fiere e congressi

Restano consentite le attività dei servizi di ristorazione, delle mense e del catering continuativo su base contrattuale, degli stabilimenti balneari, delle sale giochi, sale scommesse e sale bingo, seppur condizionate al preventivo accertamento da parte delle Regioni e delle Province autonome, della compatibilità di tali attività con la situazione epidemiologica dei relativi territori e, quindi, all’adozione di protocolli o linee guida disciplinanti le specifiche misure di prevenzione;

Restano sospese, all’aperto o al chiuso, le attività del ballo che abbiano luogo in discoteche, sale da ballo e locali assimilati destinati all’intrattenimento o che si svolgono in lidi, stabilimenti balneari, spiagge attrezzate, spiagge libere, spazi comuni delle strutture ricettive o in altri luoghi aperti al pubblico.

Sono escluse dalla sospensione le c.d. “feste private”; pertanto sono escluse dall’ambito di applicazione del DPCM: i matrimoni, le cresime, le comunioni, per le quali non esiste un accesso indiscriminato del pubblico, restando ferme le prescrizioni relative al divieto di assembramento e alle misure di igiene previste.

Ricordiamo che dal 1° settembre 2020 scorso sono consentite le manifestazioni fieristiche e i congressi, previa adozione di protocolli validati dal Comitato tecnico-scientifico e secondo misure organizzative adeguate alle dimensioni e alle caratteristiche dei luoghi e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza interpersonale di almeno un metro.

Capienza degli autobus

La capienza di autobus, metropolitane e treni regionali potrà arrivare all’80% dei posti per i passeggeri, se saranno garantiti efficaci sistemi di aerazione e ricambio dell’aria. La mascherina è obbligatoria mentre si sale a bordo e durante tutto il tragitto a bordo.

Scuole ed Istruzione

Si riconferma il rispetto dell’avvio dell’attività didattica delle scuole di ogni ordine e grado secondo i rispettivi calendari adottando ogni misura utile e precauzionale a tale avvio nel rispetto del protocollo per la gestione di casi e focolai di SARS-CoV-2 nelle scuole e nei servizi educativi dell’infanzia.

Coppie internazionali

Ulteriore novità riguarda il ricongiungimento delle coppie che vivono in Stati diversi che potranno per raggiungere il domicilio, l’abitazione e la residenza della persona, anche non convivente, con la quale vi sia una stabile relazione affettiva.

Fino ad oggi era di fatto impossibile per le coppie che vivono in Paesi diversi ricongiungersi, salvo che per esigenze lavorative, di studio o di salute, assoluta urgenza, rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.

Potrebbe piacerti anche