Contributi a favore delle imprese che operano nel settore del Commercio al dettaglio e dei Pubblici Esercizi di somministrazione di alimenti e bevande Bando POR FESR 2014/2020 – L.R. 41/97

Come preannunciato nei mesi scorsi è stato pubblicato il “Bando per il sostegno di progetti rivolti a migliorare l’attrattività turistico-culturale del territorio attraverso la qualificazione innovativa delle imprese che operano nel settore del commercio al dettaglio e dei pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande “.

La Regione intende dare attuazione alle Azioni 3.3.2 e 3.3.4 del POR FESR 2014-2020 ed alla LR 41/1997per promuovere la qualificazione innovativa e la competitività dei punti di vendita tradizionali e dei pubblici esercizi quali fattori strategici di attrattività e di “rivitalizzazione” dei centri urbani, delle frazioni e delle località minori, finanziando – con contributi a fondo perduto – progetti finalizzati a riqualificare ed innovare il settore del commercio e dei servizi, agevolando un complessivo riposizionamento strutturale che accresca la competitività delle imprese che operano in tali settori ed, al contempo, contribuisca ad accrescere l’attrattività e la domanda di fruizione del territorio – anche al fine di generare nuova occupazione.

SOGGETTI BENEFICIARI

Micro, piccole e medie imprese, che esercitano, anche in forma stagionale:

  • attività commerciale al dettaglio in sede fissa e aventi i requisiti di esercizio di vicinato, (codice Ateco 47, con esclusione dei seguenti gruppi e sottogruppi: 47.11.1 “Ipermercati”; 47.11.2 “Supermercati”; 47.3 “Commercio al dettaglio di carburante per autotrazione”; 47.8 “Commercio al dettaglio ambulante”; 47.9 “Commercio al dettaglio al di fuori di negozi, banchi e mercati”)
  •  attività di somministrazione pubblica alimenti e bevande (Codici Ateco 56.10.11 – 56.10.30 – 56.30.00)

CARATTERISTICHE AGEVOLAZIONE

  • minimo di spesa € 15.000;
  • contributo a fondo perduto nella misura del 40% della spesa ammissibile, elevabile al 55% in particolari casistiche (es. per i soggetti che operano in locali presi in locazione)
  • contributo massimo erogabile € 30.000.

INTERVENTI FINANZIABILI

  • Riqualificazione, ristrutturazione, ampliamento delle strutture nelle quali si svolge l’attività e delle relative pertinenze (es. spese per opere edili, murarie e impiantistiche).
  • interventi per l’offerta di nuovi prodotti e/o servizi alla clientela e/o per il loro miglioramento o consolidamento, anche tramite l’introduzione delle più moderne tecnologie informatiche e digitali (es. acquisto di macchinari e attrezzature, marketing digitale).

MODALITA’ E TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

  • dalle ore 10.00 del 18 febbraio 2020 alle ore 13.00 del 18 marzo 2020 (chiusura termini comunque al raggiungimento delle 150 domande) per investimenti da effettuare dalla data di presentazione della domanda e da concludere entro il 31/12/2020
  • dalle ore 10.00 del 15 settembre 2020 alle ore 13.00 del 29 ottobre 2020 (chiusura termini comunque al raggiungimento delle 150 domande) per investimenti da effettuare dal 01/01/2021 fino al 31/12/2021

Per maggiori informazioni e per assistenza nella predisposizione della domanda di contributo è a disposizione l’Ufficio Credito di Confcommercio Ascom Faenza, Martini Giovani, tel. 0546.21355 email credito@ascomfaenza.it

Potrebbe piacerti anche