Bando eco bonus per la sostituzione di autoveicoli

Regione Emilia Romagna

Bando eco bonus per la sostituzione di autoveicoli privati inquinanti di categoria M1 con veicoli a minor impatto ambientale

Con propria Delibera di Giunta Regionale del 21 gennaio 2019, la Regione Emilia Romagna ha dato attuazione al “BANDO ECOBONUS PER LA SOSTITUZIONE DI AUTOVEICOLI PRIVATI DI CATEGORIA M1 SOGGETTI ALLA LIMITAZIONE DEL TRAFFICO”.

Obiettivi

Il bando ha ad oggetto la concessione di incentivi per la sostituzione, con obbligo di rottamazione, di veicoli privati di categoria M1  ad alimentazione benzina in classe pre-euro o Euro 1 e ad alimentazione diesel dalla classe pre-euro fino alla classe ambientale euro 4 con veicoli a minore impatto ambientale, sempre di categoria M1 di classe ambientale euro 6 ad alimentazione ELETTRICA, IBRIDO ELETTRICA/BENZINA (esclusivamente full Hybrid o Hybrid plug-In), METANO (mono o bi-fuel benzina) O GPL (mono o bi-fuel benzina) di prima immatricolazione.

Agevolazione

Concessione di un contributo a fondo perduto, di Euro 3.000,00 per l’acquisto di un veicolo ad alimentazione elettrica o ibrida e di Euro 2.000,00 per l’acquisto di un veicolo ad alimentazione Metano o GPL.

Non è ammesso l’acquisto in leasing.

Sono ammesse a contributo le spese relativa all’acquisto di veicoli immatricolati a far data dal 24 giugno 2019 al 30 Aprile 2020. Il contributo è cumulabile con altre iniziative sia private che pubbliche, comprese quelle regionali, attivate per incentivare la mobilità sostenibile, pertanto al contributo regionale oggetto del bando è abbinabile anche lo sconto del 15% sul prezzo di listino del modello base che, le Associazioni firmatarie del protocollo d’intesa sottoscritto con la Regione Emilia Romagna – ANFIA UNRAE e FEDERAUTO, si sono impegnate ad applicare alla tipologia di veicoli ammessi ai Bandi Regionali.

Beneficiari

Possono partecipare al bando le persone fisiche:

  • residenti in Emilia Romagna;
  • proprietari alla data del 01/01/2019 di un autoveicolo da destinare alla rottamazione ad alimentazione benzina in classe pre-euro o Euro 1 o ad alimentazione diesel dalla classe pre-euro fino alla classe euro 4;
  • con ISEE del nucleo famigliare inferiore o uguale a Euro 35.000,00;
  • che non abbiano riportato nei cinque anni precedenti alla presentazione della domanda, condanna penali.

I requisiti a), c), d), devono essere posseduti al momento della presentazione della domanda e mantenuti fino al momento della richiesta di liquidazione contributo.

Modalità e Tempi

Tutte le fasi saranno gestite in forma informatizzata attraverso l’applicativo che sarà disponibile sul sito Ambiente della Regione Emilia Romagna, cui si potrà accedere attraverso le credenziali FEDERA (livello alto e policy password alto) o l’identità digitale SPID.

Fase 1: prenotazione on line del contributo
Sarà possibile presentare le domanda dalle ore 15.00 del 8 luglio 2019 fino alle ore 14.00 del 30 settembre 2019. Sarà necessario indicare tra le altre cose, i propri dati anagrafici, un recapito telefonico, un indirizzo mail, la targa del veicolo che si intende rottamare (o già rottamato, comunque nell’anno 2019) e la tipologia del veicolo che si intende acquistare con il tipo di alimentazione. Verrà verificata la sola ammissibilità tecnica e la graduatoria sarà determinata dall’ordine cronologico di presentazione. Il richiedente riceverà mail di ricevuta presentazione.

Fase 2: Invio dell’ordine di acquisto (perfezionamento della domanda di contributo) con bollo da Euro 16,00
I richiedenti che avranno ricevuto dalla Regione, la comunicazione di concessione contributo, dovranno inviare, dalle ore 9.00 del 30 luglio 2019 alle ore 16.00 del 15 ottobre 2019 l’ordine di acquisto su cui dovrà essere specificato il modello del veicolo, il sistema di alimentazione, il modello ISEE del nucleo famigliare, copia del libretto del veicolo da rottamare o certificato di rottamazione se già rottamato. Nella eventualità in cui venga variata la tipologia del veicolo ordinata rispetto a quanto indicato nella fase 1 l’applicativo ricalcolerà automaticamente il contributo da erogare, che in ogni caso non potrà essere superiore all’importo già prenotato nella fase 1.

Fase 3: Richiesta di liquidazione del contributo e rendicontazione dell’investimento
Ultimata la fase 2 i cittadini beneficiari del contributo, dovranno presentare dalle ore 9.00 del 30 aprile 2020, entro il pena la revoca del contributo, la richiesta di liquidazione inviando alla Regione tra le altre cose la seguente documentazione: Certificato di rottamazione del veicolo sostituito o attestazione di presa in carico da parte della concessionaria, certificato di proprietà, libretto di circolazione e fattura di acquisto del nuovo veicolo, IBAN c/c personale.

Successivamente alla richiesta di liquidazione la Regione, effettuati i dovuti controlli provvederà alla erogazione del contributo, direttamente su c/c indicato.

Per qualsiasi informazione e per la predisposizione ed invio della Domanda potete rivolgervi all’Ufficio Credito 0546-21355.

Comments (0)
Add Comment